Romagna in Volley pensa in grande.

foto pubblico
5 ottobre 2012

L’associazione di promozione sociale “Romagna in Volley” è uscita allo scoperto domenica scorsa con la presentazione delle “prime squadre” nella bellissima cornice di Mirabilandia. L’evento, reso possibile dall’intervento degli sponsor Graziani, Camac, Babbi Dolciaria e Effegibi Saune, è stato seguito da un numero straordinario di presenti, oltre 1400 tra atleti e famigliari ed ora la neonata associazione vuole imporsi sul territorio. Tutto è nato per l’iniziativa del Volley Club Cesena che, di concerto con gli amici del Volley Cesenatico hanno gettato le basi per la fondazione di questa “associazione di associazioni”, unica come forma giuridica in tutta Italia e che ha trovato poi terreno fertile nelle società limitrofe che non hanno esitato ad unirsi. Si sono infatti aggregati prima il Longiano Pallavolo, poi il Cervia Volley e per finire, dalla scorsa estate anche Fenice Volley Forlimpopoli e Pallavolo San Mauro Pascoli. “Le porte sono aperte anche per nuovi ingressi – dichiarano in concerto Roberto Graziani e Carlo Babbi, vertici dell’organigramma societario del Volley Club Cesena – l’importante è condividere gli obiettivi ed avere a cuore il settore giovanile, anche dal punto di vista sociale”. L’adozione del codice etico stabilisce infatti i valori a cui tutte le società appartenenti devono rigorosamente attenersi. Tale unione di intenti mira a creare una rete di società che permetta a tutti i 1.300 atleti del progetto di crescerem sia dal punto di vista tecnico che da quello umano, venendo inserite in gruppi congrui alle proprie capacità e alle proprie aspettative. “Romagna in Volley non ha alcun scopo economico – afferma il presidente dell’associazione Maurizio Morganti – in quanto ogni giocatrice rimane legata alla società che ha il merito di avvicinare l’atleta a questo sport, ma ha come solo obiettivo quello di aumentare le chance di crescita e di divertimento potendo contare su squadre in tutte le categorie dalla serie B2 in giù”. Le “punte di diamante” sono ovviamente le prime squadre, ma è importante sottolineare che la maggior parte del lavoro dell’associazione si compie nei cosiddetti tornei minori. Le squadre giovanili si cimenteranno poi in una competizione interna che permetterà ai ragazzi di conoscersi tra loro e di aumentare il proprio bagaglio tecnico confrontandosi con i coetanei. La guida tecnica comune è affidata al prof. Pietro Mazzi, che segue ciclicamente tutti i gruppi in modo da uniformare il più possibile il lavoro affidato agli istruttori nelle squadre che operano su un vasto territorio come quello romagnolo. I presupposti per costruire qualcosa di importante ci sono tutti e la speranza dei dirigenti, è quella di poter vedere nelle prime squadre delle varie società, nel giro di pochissimi anni, solo ragazze e ragazzi cresciuti dentro Romagna in Volley.

Disegno senza titolo

Seguici su Instagram

1
Something is wrong. Response takes too long or there is JS error. Press Ctrl+Shift+J or Cmd+Shift+J on a Mac.
loghi istituzionali sito
Disegno senza titolo (1)